Frederic March and Carole Lombard in “Nulla sul serio” (Nothing Sacred, 1937)

90.00 

Frederic March and Carole Lombard in “Nulla sul serio” (Nothing Sacred, 1937)

Team Editorial Services

90.00 


Frederic March and Carole Lombard in Nothing Sacred (Nulla sul serio, Usa, 1937)

(d. William Wellman, sc. Ben Hecht, ph. Howard Greene)


Black and white photographic gelatin silver print on baryta paper hand-colored, cm. 18 x 24, Team Editorial Services, ca 1970s, Rome, Italy.

Stampa originale alla gelatina ai sali d’argento su carta baritata, colorata a mano, cm. 18 x 24, Team Editorial Services, ca 1970s, Roma.

COD: PS67.
Categorie: , , ,
Soggetto: , , ,
Collezione:

Per conoscere disponibilità e prezzi delle opere, o altre informazioni non specificate (formati e tecniche di stampa, stato di conservazione) e per qualsiasi altra domanda, scriveteci a shop@stsenzatitolo.it

Original Title: Nothing Sacred
Director: William A. Wellman
Writer: Ben Hecht
Producer: David O. Selznick
Studio: Selznick International Pictures
Genre: Commedia, Dramma, Romance
Theatrical: 1937
Rating: 6.6
Country: United States of America
Languages: English
Date Added: 07 Aug 2017
IMDb: 0029322
Tags:New York, Newspaper, Reporter, New York City, Vermont


La collezione POP (Pieces of Paper) SHOW è stata esposta per la prima volta nel 2008 da s.t., durante la III Edizione del Festival Internazionale del Film di Roma.
Il progetto nasce dal ritrovamento di un insolito archivio di immagini sul cinema del passato: una collezione di migliaia di stampe fotografiche in bianco e nero destinate a illustrare la programmazione televisiva dei film sulla stampa periodica del secolo scorso, e a tale scopo ricolorate a mano.
Per valorizzare il passaggio di un film sul piccolo schermo, i rotocalchi specializzati dell’epoca (come il Radiocorriere TV) avevano scelto di puntare sulle immagini a colori: anche se i film erano in bianco e nero e anche se la TV italiana trasmetteva comunque ancora solo in bianco e nero.
Un’agenzia fotografica, la Team Editorial Services, provvedeva dunque alla ricerca delle immagini necessarie, che venivano spesso rifotografate, stampate in bianco e nero e poi colorate a mano, con matite a cera o pastelli all’anilina.
Il risultato è la produzione su scala seriale di una moltitudine di opere su carta anonime quanto uniche.