Da Roma al Polo Sud. Foto e altri documenti dall’archivio di Erich B. Kusch


s.t. foto libreria galleria, Roma
14 gennaio – 16 febbraio 2013

Da Roma Al Polo Sud
Foto e altri documenti dall’archivio di Erich B. Kusch

Un progetto s.t. foto libreria galleria
a cura di Paola Paleari, Imogen Kusch, Matteo Di Castro

con la collaborazione di Camilla Marinelli, Greta Boldorini, Alfonso  Corace e la partecipazione di Gianluigi Fogacci.

 

s.t. foto libreria galleria prosegue il proprio lavoro di recupero e valorizzazione delle immagini del passato con una mostra che ruota attorno all’archivio di un grande giornalista europeo, Erich B. Kusch (1930-2010), per molti anni presidente dell’Associazione della Stampa Estera e per mezzo secolo punto di riferimento e di ispirazione per i Deutschrömer, i “tedeschi romani” della città.

Triestino di nascita ma cresciuto in Germania, corrispondente dall’Italia per diverse testate tedesche, Kusch aveva scelto di custodire personalmente i diversi documenti di cui si è servito in più di mezzo secolo di vita professionale.
La mostra nasce da qui, dalla volontà di contrastare la naturale dispersione dei materiali di lavoro che hanno segnato la vita del giornalista e dall’ipotesi di riproporli puntando  soprattutto, in un contesto come quello della galleria, sull’inedita valenza estetica dei documenti visivi ritrovati.
Dietro questi documenti c’è un’esistenza in cui non è possibile disgiungere le inclinazioni personali  dai metodi di lavoro; c’è la storia di una vocazione originaria e mai sopita ad esplorare e raccontare la realtà che ci circonda, a percorrere sentieri non battuti, a scrutare nuovi orizzonti.

 

 
Il corpus fotografico in mostra  ruota principalmente attorno al lungo viaggio al Polo Sud compiuto Da Kusch nel 1961 a seguito della spedizione “Deep Freeze”, nell’ambito del Programma Antartico degli Stati Uniti: uno dei maggiori progetti di ricerca intrapresi prima della conquista dello spazio. 

Le immagini, realizzate da fotografi ufficiali della Marina statunitense,  rappresentano scene di lavoro e di vita quotidiana nella stazione di McMurdo, una base scientifica e logistica tuttora attiva nelle missioni in Antartide.

E’ invece Roma -la città in cui Kusch si trasferì all’inizio della sua carriera, eleggendola a base operativa per il resto della vita e su cui scrisse anche due guide turistiche- la protagonista di altri scatti esposti: dalle immagini di Campo de’ Fiori (quando il mercato ortofrutticolo era ancora il protagonista assoluto della piazza), a quelle che mostrano l’ultima fase del restauro della statua equestre di Marco Aurelio, nel 1986.
In alcune immagini compare lo stesso giornalista, nelle situazioni più diverse: in Lapponia a bordo di una zattera; abbracciato ad un asino; in divisa da ufficiale delle SS in una scena del film Londra chiama Polo Nord; al lavoro durante un incontro fra il cancelliere Kohl e altri leader europei e in posa sui ghiacci con una bandierina della Germania: il primo tedesco a mettere piede in Antartide.
Oltre al fondo di foto d’epoca relative alla spedizione “Deep Freeze” (circa duecentocinquanta stampe originali), nell’archivio di Kusch figurano numerose altre immagini dell’esercito degli Stati Uniti: basi militari in Alaska, esercitazioni aeree, lanci missilistici. Fotografie di documentazione ufficiale sono anche quelle che evocano l’Italia degli anni sessanta: la nuova rete autostradale e quella dei metanodotti creata dall’ENI di Mattei. Questo ricco repertorio iconografico non viene presentato a parete, ma in una serie di album, a disposizione dei visitatori della mostra.
La vocazione internazionale di Kusch e la fitta rete di relazioni professionali da lui intessuta negli anni, affiancate a una spiccata curiosità personale, lo hanno condotto a raccogliere – in un’ epoca pre-digitale, quando il lavoro giornalistico si alimentava e produceva informazioni su diversi supporti fisici –  un ricco e variegato insieme di documenti non solo fotografici. Oltre alle fotografie, la mostra presenta infatti stralci di corrispondenza, estratti di cartelle-stampa, articoli di giornale, e altre pubblicazioni riconducibili a diversi significativi eventi della nostra storia recente.Fra i libri provenienti dalla biblioteca di Kusch figura ad esempio Milano 2. Una città per vivere, destinato alle prime famiglie che a metà degli anni settanta si trasferirono nel centro residenziale progettato dalla Edilnord di Silvio Berlusconi: un’autentica rarità bibliografica, ma soprattutto una fonte preziosa quanto curiosa (con testi di Enzo Siciliano, Natalia Aspesi, Gianni Brera) sulla genesi di quel nuovo miracolo italiano, che il Cavaliere riuscirà a vendere successivamente a un’intera nazione,  ma non ai cronisti più attenti alla stampa internazionale, fra cui lo stesso Kusch.
Un altro protagonista del progetto espositivo è il magnetofono originale utilizzato dal giornalista per la registrazione di interviste e conferenze. Negli spazi di s.t. foto libreria galleria, sarà possibile ascoltare alcune di queste bobine magnetiche, con le voci di diversi protagonisti della vita politica italiana del passato: da Berlinguer a Pertini. 

 


Erich B. Kusch
nasce il 27 settembre 1930 a Trieste da padre tedesco e madre di origine ebraica. Trasferitosi da bambino in Germania, si diploma a Coblenza nel 1949 e prosegue studiando economia politica all’università di Bonn e storia dell’arte a Firenze. Nell’estate del 1951 compie un viaggio in autostop verso Napoli per incontrare personalmente Benedetto Croce, animato dall’ideale comune di un’Europa rinnovata e unita.

Nel 1955 si trasferisce a Roma, città che rimarrà la sua base operativa per il resto della vita e su cui scriverà due guide turistiche. Intrapresa la carriera giornalistica, inizia da subito a viaggiare: nel 1956 è inviato di guerra durante la crisi di Suez, in Egitto, mentre nel 1961 partecipa come inviato alla spedizione americana “Deep Freeze” nell’Antartico: è il primo tedesco a raggiungere il Polo Sud.  

Nel 1959 sposa Christine, dalla quale avrà cinque figli: Claudia, Felicitas, Clemens, Verena e Imogen.
All’inizio degli anni sessanta è corrispondente dall’Italia per diverse testate tedesche e internazionali, attività che svolgerà ininterrottamente per cinquant’anni e che dal 1989 lo porterà a ricoprire per sei mandati consecutivi il ruolo di Presidente della Stampa Estera in Italia. In tale veste, il 26 novembre del 1993, il giorno dopo la costituzione dei club di Forza Italia, ospita la conferenza-stampa in cui Silvio Berlusconi anticipa i contenuti della sua prossima “discesa in campo”. Kusch, come diversi suoi colleghi, coglie da subito la minaccia che un progetto politico fondato sullo strapotere mediatico può rappresentare non solo per l’Italia.
Intrattiene rapporti professionali con il Vaticano lungo diversi pontificati, arrivando a seguire spesso Papa Giovanni Paolo II durante le sue visite pastorali all’estero e a dirigere l’ufficio stampa dell’“Agenzia romana per il Giubileo” in vista dell’Anno Santo del 2000.
Si occupa spesso e con particolare competenza delle relazioni tra Italia e Germania, partecipando a diversi incontri bilaterali e accompagnando in varie occasioni il Presidente della Repubblica Sandro Pertini. Non a caso Kusch è stato definito “il più italiano dei tedeschi e il più tedesco degli italiani”.
Membro del Comin (Comitato di Informazione ed Iniziative per la Pace), nel 1984 è tra i promotori del centro culturale italo-tedesco Villa Vigoni, di cui diventa Presidente undici anni dopo.
Per il suo lavoro giornalistico e l’impegno profuso nel dialogo tra Italia e Germania riceve numerosi riconoscimenti, tra cui il Premio della città di Roma, la Croce al merito della Repubblica Federale di Germania di prima classe e l’onorificenza di Grande Ufficiale della Repubblica Italiana.
La grande curiosità di Kusch e l’amore per il suo mestiere, lo portavano sempre a cercare di incontrare nuove persone. Era ugualmente motivato a colloquiare amabilmente e rispettosamente con un oste appena conosciuto in un ristorante, come con un ministro ad un ricevimento ufficiale.
Aveva un modo leggero di stare al mondo, senza grandi e assolute certezze. Non imponeva le sue idee, ma le suggeriva sommessamente e senza enfasi, lasciando poi a ciascuno la libertà di farsi una propria opinione. Forse anche perché aveva saggiamente capito che il troppo interrogarsi o il troppo ricercare o affermare la propria verità non gli avrebbe comunque evitato il destino che spetta a tutti noi e al quale fino all’ultimo ha cercato di opporsi.
Erich B. Kusch muore a Würzburg 22 febbraio 2010.

 

     mostre



  , , , , , , , , , , , , ,