Paola Agosti

Paola Agosti è nata nel 1947 a Torino, dove ha frequentato il Liceo Artistico e l’Accademia di Belle Arti. Nel 1968 si è trasferita a Roma e ha iniziato la sua attività di fotografa che l’ha portata a compiere vari viaggi in Italia, in Europa, in Sud America, negli Stati Uniti, in Africa.
Dal 1976 si è occupata con particolare attenzione di volti e fatti del mondo femminile, a cui sono dedicati due dei suoi libri: “Riprendiamoci la vita” (Savelli, 1977), istantanee degli anni “caldi” del femminismo, e “La donna e la macchina” (Editori Riuniti, 1983), immagini di operaie al lavoro nelle fabbriche dell’Italia settentrionale. Nel 1984 ha realizzato sessanta ritratti di scrittrici e poetesse italiane, pubblicati nel catalogo della mostra “Firmato donna” e nel libro “Le signore della scrittura” di Sandra Petrignani (La Tartaruga, 1984).
Ha pubblicato altri libri fotografici: “Immagini del mondo dei vinti” (Mazzotta, 1979), trascrizione visiva del libro di Nuto Revelli sulla fine della civiltà contadina nel Piemonte più povero, con una introduzione di Alessandro Galante Garrone, (il libro è stato ripubblicato nel 2001 – Cahier museomontagna – con trentacinque fotografie inedite, una postfazione di Mario Cordero e un nuovo titolo “I testimoni“); “San Magno, fa prest” (Priuli e Verlucca, 1981) con testi di Saverio Tutino, descrizione fotografica di una festa religiosa nelle valli cuneesi; ”Dal Piemonte al Rio de la Plata” (Regione Piemonte, 1988) ricerca fotografica sull’emigrazione piemontese in Argentina; “Caro Cane“ (La Tartaruga, 1997), immagini sulla condizione della esistenza canina.
Nel 1988 ha curato per il primo Salone del Libro di Torino una mostra e un catalogo dal titolo “Volto d’Autore“ , novanta scrittori italiani fotografati da P. Agosti, L.Battaglia, G.Borgese, F.Giaccone, F.Scianna, F.Zecchin. La mostra è stata esposta anche alla Buchmesse di Francoforte nel padiglione dell’Italia. Nello stesso anno, per la seconda Conferenza Nazionale per l’Emigrazione ha curato, con Maria Rosaria Ostuni, una mostra e un catalogo dal titolo “L’Italia fuori d’Italia“ fotografie storiche e contemporanee sull’emigrazione italiana nel mondo.
Con Giovanna Borgese ha pubblicato “Mi pare un secolo“ (Einaudi,1992), ritratti dei “grandi vecchi” protagonisti della cultura europea del Novecento, “C’era una volta un bambino“ (Baldini & Castoldi,1996), ritratti e autoritratti d’infanzia e “Il volto delle parole”, cinquanta fotografie di intellettuali italiani del ‘900, ormai scomparsi (Scenaperta 2007). Con M.Miraglia, C.H.Favrod e M.F.Bonetti ha curato la mostra e il libro: “Francesco Agosti – lo sguardo discreto di un fotografo piemontese del primo Novecento“ (Peliti Associati, 1998). Con Alberto Olivetti ha curato “Aetatis suae”, ritratti fotografici di Giorgio 1910 – 1926, di Francesco Agosti, con uno scritto di Norberto Bobbio (Cadmo editore, 1999). Con Zoltán Nagy ha pubblicato “Grand Tour 1973 – 2001“ (Inside Out edizioni, 2001), viaggio nella vita quotidiana dell’ Italia degli ultimi decenni del ‘900.

 

 


Share this post