Christo

Christo è lo pseudon­imo di Christo Vladimirov Javach­eff, nato nella cit­tad­ina bul­gara di Gabrovo nel 1935; ma non si può par­lare di Christo senza Jeanne — Claude Denat de Guille­bon, sua stor­ica com­pagna di vita e di lavoro, nata anche lei nel 1935, a Casablanca, e scom­parsa nel novem­bre del 2009. Per­chè se è vero che Christo ha iniziato a creare da solo le sue par­ti­co­laris­sime opere nel 1958, è anche vero che i cap­ola­vori sono iniziati ad arrivare dopo il 1961, dopo l’incontro, cioè, con Jeanne –Claude, che ha dato vita ad uno dei binomi più famosi della sto­ria dell’arte.  Espo­nente del Noveau real­isme, Christo ha iniziato, sulla fine degli anni Cinquanta, ad “impac­chettare” oggetti, ispi­ran­dosi prob­a­bil­mente alla poet­ica dadaista e soprat­tutto a Man Ray e all’ opera L’enigma di Isidore Ducasse. Da pic­coli oggetti, i due artisti sono pas­sati ad opere sem­pre più mon­u­men­tali, lavo­rando su grandi edi­fici e vastis­sime porzioni di ter­reno, dando inizio, di fatto, alla Land Art. La loro arte ha sem­pre viag­giato su un doppio bina­rio: da un lato, met­tere alla luce il pae­sag­gio, evi­den­zian­dolo con opere quali Run­ning Fence, un’installazione del 1976 real­iz­zata con 200 mila metri quadri di stoffa, nel nord della Cal­i­for­nia. Dall’altro,  nascon­dere alla vista edi­fici e mon­u­menti di solito sotto l’occhio di tutti, impac­chet­tan­doli con migli­aia di metri quadri di tes­suti di vario tipo: nel 1969 il Museo d’Arte Con­tem­po­ranea di Chicago, nel 1970 il mon­u­mento a Vit­to­rio Emanuele in Piazza Duomo a Milano, o il Reich­stag di Berlino nel 1995, tanto per citarne alcuni. Oper­azioni anch’esse mon­u­men­tali, quasi sem­pre aut­o­fi­nanzi­ate, gra­zie alla ven­dita dei dis­egni, dei bozzetti, delle foto (real­iz­zate sem­pre da Wolf­gang Volz), unica trac­cia tan­gi­bile di queste gigan­tesche performances.

biografia pubblicata su looklateral

 

Le Mura aureliane con l'opera di Christo The Wall, Wrapped Roman Wall. Roma, 1974 | photo by Massimo Piersanti ©

Le Mura aureliane con l’opera di Christo The Wall, Wrapped Roman Wall. Roma, 1974 | photo by Massimo Piersanti ©

 


Share this post